W l’arancio!

Oggi un’attività piena di energia e colore

ci prepariamo seduti e ci chiediamo:

Di che cosa ci meraviglieremo oggi?

20150129_103814

e esponiamo ai bimbi

tanti oggetti di tante tonalità e sfumature di arancio

20150129_104300

cominciamo a chiamare ogni oggetto per nome

abbiamo trovato stampini

piume

biscotti di legno

una macchinina

un barattolo

paglia di carta

una rete per agrumi

un giocattolo

arance

mandarini

carote

20150129_104246

abbiamo diviso in cose che si possono mangiare

20150129_105340

e  oggetti  per giocare

abbiamo chiuso gli occhi

20150129_104925

e poi abbiamo iniziato una mega caccia al tesoro!

20150129_105123

cosa ci sarà nascosto li?

20150129_104720

una carotaaaa

e visto che abbiamo trovato delle arance

perchè non tagliarle e conoscerle meglio

15286_10206121904510864_5176626097754303568_n

e assaggiarle

20150129_110302

gira gira

schiaccia schiaccia

20150129_110245

versa

20150129_110408

20150129_110521

20150129_111137

e via si assaggia

20150129_111141

cin cin

che bontà!

Vi lasciamo con una poesia meravigliosa che Malaguzzi ha scritto

e che noi teniamo come filo conduttore del nostro nido in famiglia

assieme ai Diritti naturali dei bambini e delle bambine di Zavalloni.

I CENTO LINGUAGGI

Il bambino
è fatto di cento.

Il bambino ha
cento lingue
cento mani
cento pensieri
cento modi di pensare
di giocare e di parlare

cento sempre cento
modi di ascoltare
di stupire di amare
cento allegrie
per cantare e capire

cento mondi
da scoprire
cento mondi
da inventare
cento mondi
da sognare.

Il bambino ha
cento lingue
(e poi cento cento cento)
ma gliene rubano novantanove.

La scuola e la cultura
gli separano la testa dal corpo.

Gli dicono:
di pensare senza mani
di fare senza testa
di ascoltare e di non parlare
di capire senza allegrie
di amare e di stupirsi
solo a Pasqua e a Natale.

Gli dicono:
di scoprire il mondo che già c’è
e di cento
gliene rubano novantanove.

Gli dicono:
che il gioco e il lavoro
la realtà e la fantasia
la scienza e l’immaginazione
il cielo e la terra
la ragione e il sogno
sono cose
che non stanno insieme.

Gli dicono insomma
che il cento non c’è.
Il bambino dice:
invece il cento c’è.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...